High Hopes

A volte avere ragione può essere gratificante professionalmente, ma può anche dispiacere.

In un post dello scorso ottobre, infatti, avevo ricordato le difficoltà nelle quali si dibatte Barack Obama ipotizzando che presto o tardi i nodi sarebbero giunti al pettine, anche dal punto di vista elettorale.

E così è stato. La sconfitta in Massachusset non solo è un fatto epocale (erano 60 anni che i Democratici non perdevano Boston), ma un campanello d’allarme pesantissimo per le elezioni di mezzo termine che si terranno il prossimo novembre, quando va a rinnovo 1/3 del senato e tutta la Camera dei Rappresentanti.

Questo accade – ahimè – quando le aspettative sono troppo alte. Diventassi io premier, governerei 30 anni, visto che nessuno si aspetterebbe nulla e quindi nessuno potrebbe dirsi deluso!

Annunci

One thought on “High Hopes

  1. Trovo interessanti le tesi che esprimi sul tuo blog, io sicuramente non avrei una tale esperienza nel formulare commenti sulla politica internazionale.

    Certo, osservando da non addetto ai lavori la campagna elettorale di Obama ho avuto l’impressione che egli sia stato particolarmente facilitato dal fatto di essere stato il primo possibile presidente Afroamericano degli Stati Uniti; il Reverendo Jackson non aveva tale opportunità, evento sicuramente epocale che ha catalizzato su di lui il voto degli Afroamericani. Ma una cosa è perseguire delle politiche populiste, un’altra è poterle realizzare.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...