Benvenuti nell’era della Terza Repubblica fondata sui social network

politica 2.026/12/2012 – Alla fine sono arrivati tutti. Da sinistra a destra. Da Bersani, Vendola, Casini, Berlusconi e addirittura quell’uomo tutto d’un pezzo di Mario Monti. Ora ve li ritrovate oltre che in televisione anche sui social network. Lì, accaniti, 24 ore al giorno, sempre pronti a dire la loro, rivolti all’instancabile pubblico della rete connesso al Web senza soluzione di continuità pure quando dorme. Se vi state chiedendo cosa sia cambiato rispetto al passato nel rapporto tra politica ed elettori con l’avvento dei social network, la risposta è poco e niente.

Provate un secondo ad astrarvi dalle suggestioni pecoreccie dei political social media strategist o come diavolo si definiscono. E lasciate pure perdere i fanatici invasati della fantapolitica dell’era “due punto zero”. Che poi che significa lo sonno soltanto loro. Tanto per puntualizzare, si parlava di Web 2.0 nel 2003. Siamo alla fine del 2012, nove anni dopo, e ancora i “guru” dell’informazione nostrani sono rimasti inchiodati a certe definizioni che se non vi paiono obsolete, abbiate almeno il buon cuore di etichettarle almeno come “arcaiche”. Come personale suggerimento, evitate di usarle. Fate più bella figura.

Da quando la politica italiana ha scoperto i canali social, a dire la verità piuttosto in ritardo, è stato un continuo fiorire di iniziative che, al di là del rumore e della viralità di certi temi saliti alla ribalta dei più popolari social network, hanno avuto uno scarsissimo successo. Un esempio per tutti, quello del povero Matteo Renzi. Per mesi sulla rete ha tenuto banco ovunque. Twitter e Facebook, le sue seconde case. Centinaia di migliaia di like, tweet e retweets e slogan e hashtag e trending topic e endorsement da parte del meglio del meglio del “popolo della rete”. Ha preso una batosta che ancora starà piagnucolando sulle rive dell’Arno cercando di elaborare il lutto di quella clamorosa sconfitta. E sottolineo clamorosa. Perchè lo ripeto a voi che piacciono tanto i numeri, quando stenti ad arrivare al 40% in una competizione elettorale a due non hai perso. Ti hanno massacrato. E l’importante in certi casi, nonostante apprezzi il vostro improvviso spirito sportivo, non è partecipare. Perchè se hai sparato troppo in alto e al momento del gran finale fai flop, ti sei bruciato per sempre.

Per leggere l’articolo clicca qui | Fonte:  woorkup.com | Autore: Antonio Lupetti

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...