La libertà guida il popolo… e diventa virale

18/06/2013 – “A cosa serve una grande profondità di campo se non c’è un’adeguata profondità di sentimento?”. Eugene Smith, uno dei più grandi fotografi della storia, non conosceva i social network ma sono convinta che oggi avrebbe apprezzato lo scatto virale che, più degli altri, racconta Istanbul nei giorni della rivolta di Gezi Park. Un parallelo tra un dipinto e un’immagine: “La Libertà guida il popolo” di Eugene Delacroix (1830) e “Il Popolo guida la libertà” (2013), ribattezzata così proprio dagli utenti di Fb.

la libertà guida il popolo

Credo che Eugene Smith l’avrebbe apprezzata proprio perché ha una forza comunicativa pazzesca. Mentre la guardo mi viene voglia di essere a Istanbul. Scorrendo le foto nelle agenzie fotografiche mi sono spesso ritrovata un racconto per immagini sempre simile a se stesso. Mi sono emozionata raramente, anche di fronte a quelle più belle. Non disprezzo il lavoro dei colleghi (anzi), dico solo che nulla mi ha colpito al cuore come le immagini che ho trovato in giro tra Instagram e Facebook. La fotografia si è spostata anche sui social. E quando prova a raccontare i grandi eventi e l’attualità ci riesce benissimo.

La “Libertà Guida il Popolo” è il primo quadro politico nella storia della pittura moderna che esalta l’insurrezione. “Il Popolo guida la libertà” esalta la voglia di esprimesi, di insorgere per difendere i propri diritti. La forza della donna che guida il gruppo dei giovani turchi è intensa proprio come quella della tela che, ispirata alle famose tre giornate rivoluzionarie di Parigi, commemora la Rivoluzione di Luglio del 1830, detta anche seconda rivoluzione francese. Chi ha fatto quello scatto ha fatto goal.

La Turchia è un po’ come la primavera araba, almeno dal punto di vista fotografico. La “partecipazione attiva” dei lettori ha fatto sì che i social network restituissero il racconto più autentico degli scontri. Più vero. Chi scatta e posta in real time sulle varie piattaforme di liveblogging spesso riesce ad essere più veloce e più vicino al soggetto fotografato. E per questo, il racconto risulta anche più efficace. Guardate questa gallery non è bellissima? Avete visto foto così in giro?

Per visualizzare le foto clicca qui | Autore: Adele Sarno | Fonte: Huffingtonpost.it

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...