I muri di Neukölln

graffiti-berlino28/07/2014 – Moscow Mule. Un quartiere dove vivono più di cento nazionalità diverse, racconta sui suoi muri attraverso i graffiti fotografati da Christian Winterstein, storie di sradicamenti, guerre ed emigrazione.

In un quar­tiere dove vivono 300.000 per­sone per 145 nazio­na­lità diverse la comu­ni­ca­zione poli­tica può anche cor­rere sui muri. Per anni il quar­tiere ber­li­nese di Neu­kölln è stato una terra di nes­suno impre­sen­ta­bile, ora è un campo di spe­ri­men­ta­zione, meta di una emi­gra­zione più o meno crea­tiva, non privo di con­flitti sociali, dove diverse cul­ture, lin­gue e stili di vita creano una den­sità di atteg­gia­menti che altre aree della capi­tale tede­sca non hanno la for­tuna di avere. Il foto­grafo Chri­stian Win­ter­stein rac­conta come tutto que­sto si tra­duce nei graf­fiti per le vie di Neu­kölln che ha immor­ta­lato nei suoi lavori.

Ho pen­sato che la forma e il con­te­nuto dei graf­fiti sono col­le­gati al tempo e allo spa­zio in cui com­pa­iono e pos­sono dire qual­cosa della comu­nità in cui si veri­fi­cano” , dice Win­ter­stein, “ un amico, quando gli par­lai del mio pro­getto, mi disse che la valenza poli­tica dei graf­fiti è sva­nita ma io non gli ho cre­duto. Ho ini­ziato a girare per Neu­kölln tre anni fa e ne ho regi­strato gli odori, i suoni, le azioni, insomma volevo cat­tu­rare lo stato d’animo come in un docu­mento. Non senza malin­co­nia e deso­la­zione: negli slo­gan c’è anche tanta paura per i cam­bia­menti sociali che in altri quar­tieri della città, come Prenz­lauer Berg, già sono sto­ria”.

Win­ter­stein non lascia spa­zio ad un unico par­ti­co­lare pro­blema sociale o poli­tico ma vuole dimo­strare che i graf­fiti di Neu­kölln si iden­ti­fi­cano in uno spa­zio sociale spe­ci­fico e unico. Alla fine una mappa dei con­te­nuti è chiara: la gen­tri­fi­ca­zione, la cri­tica al con­sumo, le poli­ti­che tede­sche, il nazio­na­li­smo, i con­flitti in alcuni paesi esteri, insulti, amore e filo­so­fia. Le scritte sui muri di Neu­kölln sono una cassa riso­nante per le guerre sparse per il mondo, e non potrebbe essere altri­menti, visto che in base ai dati del Comune del quar­tiere le pro­ve­nienze cer­ti­fi­cate sono real­mente 145!. “Se si guar­dano da vicino que­sti graf­fiti non come un sem­plice pastic­cio su un muro”, con­ti­nua Win­ter­stein, “ci si accorge che sono spesso parte di diverse pro­spet­tive su con­flitti com­plessi come quello in Pale­stina. È tutto parte di uno spec­chio glo­bale, di un tipo di comu­ni­ca­zione poli­tica”. I pro­cessi sociali silen­ziosi che il tempo e la poli­tica covano espri­mono defi­nite posi­zioni e punti di vista sui muri: l’emigrazione e soprat­tutto il tema dei rifu­giati che nelle ultime set­ti­mane è stato al cen­tro di un’altissima ten­sione urbana nell’ adia­cente quar­tiere di Kreuz­berg, in merito al ten­ta­tivo di sgom­bero di una scuola occu­pata da tempo da richie­denti asilo. “Con le mie foto provo a offrire uno spec­chio su Ber­lino che a sua volta si riflette in quello che viene scritto sui muri, attra­verso una varietà poli­tica, emo­tiva, di tema­ti­che e argomenti”.

Quanta inno­cenza ha perso que­sta città?

Non so, credo che ci siano molti pro­cessi di cam­bia­mento in atto in diverse aree della città, negli spazi sociali, per cui puoi vedere angoli chic di asso­luto con­sumo e quar­tieri squal­lidi che la ren­dono –povera e sexy– atti­rando per­sone da tutto il mondo”. È qui che i graf­fiti gio­cano un ruolo impor­tante nel momento in cui si pon­gono spor­chi e visi­bil­mente sel­vaggi, ponen­dosi come una voce con­tro, o almeno di con­tra­sto, den­tro uno spa­zio urbano, paci­fi­cato solo per uno sguardo esterno ed edul­co­rato.

Autore: Natasha Ceci | Seguila anche su Twitter @NatashaCeci | Fonte: ilmanifesto.info

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...